39ª

Trentanovesima
Settimana

Trentanovesima Settimana

iMamme. Le giornate sembrano non passare mai, vero iMamme? Per fortuna ci sono i tracciati di controllo (cardiotocografia), che servono a monitorare l’attività fetale (soprattutto quella cardiaca) e la quantità di liquido amniotico. Inoltre, sono necessarie per vedere se ci sono contrazioni. L’ostetrica potrebbe anche visitarvi per vedere eventuali cambiamenti nel collo dell’utero.

Il seno è pesante e sensibile: il colostro per il piccino è pronto. Voi siete di sicuro stanche e il pancione pesa e si abbassa, le nottate sono complicate e anche alzarsi dal letto o sedersi sembrano imprese impossibili. Tenete duro: il grande giorno ormai è vicinissimo. Questa potrebbe essere l’ultima settimana!

Piccino. Aspetta solo il momento giusto, ma anche per lui è tutto pronto: è già nel canale del parto. E’ cresciuto moltissimo negli ultimi tre mesi e gli organi sono formati e funzionanti. Ha le unghie così lunghe che dovrete tagliargliele molto presto una volta nato. Alcuni bimbi nascono con tanti capelli, altri invece quasi pelati. Le ossa del cranio non sono completamente saldate per favorire la sua discesa attraverso il canale del parto: ci vorrà qualche mese prima che si chiudano del tutto, ecco perché la sua testolina è così delicata. Tenete d’occhio i movimenti: se non ne percepite per molto tempo, è il caso di chiamare il ginecologo o l’ostetrica.

Cose da fare. Cercate di mantenere la calma e aver pazienza. Se ve la sentite, fatevi coccolare dall’estetista: una leggera pulizia del viso, manicure e un massaggio alle gambe vi faranno rilassare. Ne avete bisogno!

Poco prima del controllo cardiotocografico mangiate qualcosa di dolce, tipo un pezzetto di cioccolata: il piccolino sarà bello pimpante!

Lo sapevate? Se vi si rompono le acque andate senza indugio in ospedale, anche se non è detto che il travaglio stia per partire: potrebbero volerci delle ore. Sappiate però che solo il 15 per cento delle gravidanze si conclude con la rottura delle membrane.

yal@2x