18ª

Diciottesima
Settimana

Diciottesima Settimana

iMamme. E’ molto più probabile che ora sentiate i movimenti del vostro piccolino, anche di notte (ve ne accorgerete meglio andando avanti con le settimane). Se vi pare un po’ “agitato”, bevete una camomilla. Dall’inizio della gravidanza ad ora avete preso tra i 4 e i 6 chili. Non trascurate mai la dieta e ricordate le fibre: potrebbero già essersi presentate le emorroidi, sintomo molto fastidioso che però si può contrastare con un’alimentazione corretta e bevendo tanta acqua.

Occhio a capogiri e svenimenti causati dall’ipotensione posturale e dalla reazione rallentata del sistema cardiovascolare. Cambiate posizione spesso, se state sedute o in piedi per molto tempo, e fatelo lentamente. Vi succede di affaticarvi facilmente e di avere il fiatone dopo aver fatto le scale: anche questo è normale e dovuto all’utero che si ingrossa. Quasi certamente ora la linea nigra sarà ben visibile.

Piccino. Ecco le sue misure: 12-14 centimetri per 150 grammi circa. Una crescita sorprendente eh? Ha sempre molto spazio per muoversi e lo fa in continuazione. Ormai alcuni suoni sono familiari: la vostra voce, il vostro battito cardiaco, il rumore del flusso sanguigno. La pelle è sempre più spessa e le unghie complete. In questi giorni finiscono di svilupparsi le papille gustative e il feto inizia a distinguere dolce, salato, acido e amaro.

Il cuore pompa tra 25 e 30 litri di sangue al giorno. Se aspettate una bambina, l’utero si è già formato e le ovaie iniziano a sviluppare gli ovociti.

Cose da fare. Idratate tanto la pelle, da dentro (bevendo molto) e da fuori (con creme specifiche), mangiate sano e camminate. Tra questa settimana e la 20esima potete fare la cordocentosi, un prelievo del sangue fetale per diagnosticare infezioni fetali e verificare eventuali anomalie cromosiche riscontrate all’amniocentesi oppure in caso di malformazione fetale evidenziata con l’ecografia a gravidanza inoltrata.

Iniziate ad informarvi sulla conservazione delle cellule staminali cordonali.

Lo sapevate? Le donne con la carnagione chiara sono più soggette alle smagliature. E c’è anche una componente di familiarità: se le hanno avute anche vostra mamma o vostra nonna avete più probabilità di andare incontro alle odiose striature.

yal@2x