Skip to main content
Large - arriva la nuova sez baby

Il bebè ha compiuto 11 mesi, entra nel suo dodicesimo mese di vita. 

Sviluppo motorio

In questo mese il vostro bimbo si esercita intensamente per arrivare a camminare: ormai si è alzato in piedi, e sfruttando il peso del suo corpo e la forza dei suoi muscoli si aggrappa a mobili solidi e bassi, come uno sgabello, per provare a camminare. Ora il suo equilibrio è abbastanza maturo da permettergli di muoversi non solo appoggiando tutto il proprio baricentro su un mobiletto, ma semplicemente posando la manina su tutti i mobili abbastanza bassi che trova (i primi ripiani delle librerie, le sedie, i tavolini da tè, il letto…): ora è solo lui a muoversi, i mobili possono rimanere dove stanno, fungono solo da momentaneo ancoraggio. Questo modo di camminare costeggiando i bordi dei mobili di casa si chiama appunto “bordeggiare”, ed il vostro bebè passa tantissima parte del suo tempo concentrato in questa importantissima attività, che prepara la vera e propria conquista del camminare.  

Un altro segnale del grande sviluppo dell’equilibrio è che il bimbo si alza senza appigliarsi, ma da solo. Si alzerà e si abbasserà tantissime volte, e anche questo è un esercizio a cui si dedica ripetutamente con passione. 

Il movimento di grande settore, ossia di tutto il corpo nella sua globalità, è probabilmente il centro della sua attività attuale, e le nuove conquiste si sommano a quelle consolidate: continua a gattonare con velocità e competenza, così come, quando vuole, “cammina” appoggiato ad un mobiletto. Il risultato di questa grande attività motoria è ovviamente il perfezionamento ulteriore dell’equilibrio e il rinforzarsi della muscolatura. Anche il ritmo del sonno trae giovamento da tanta attività: i riposini si fanno più lunghi e profondi, e quindi diminuiscono di numero, tanto che ormai fa di solito due o al massimo tre riposini al giorno, mentre il sonno notturno dura circa 12 ore (con le debite interruzioni dettate dal bisogno del cervello di fare periodici risvegli e dovute al bisogno di mangiare). 

Sviluppo sensoriale

Anche le mani si fanno ancora più abili: ora lavorano insieme, e il vostro bebè riesce a compiere azioni che prima non poteva fare, perché non riusciva a governare più di una manina alla volta. Innanzitutto riesce a prendere l’oggetto che lo interessa con entrambe le mani, per sollevarlo quando si alza, o per esplorarlo. Riesce poi a mettere in relazione due oggetti tra loro, innanzitutto sbattendoli tra loro, e poi giocando a metterli in relazione in mille modi diversi. 

Questa capacità lo rende ancora più attento alle vostre azioni e alle vostre parole, desidera imitare chi ama, non consciamente, ma per spinta naturale fin dalla nascita. 

Sviluppo comunicativo

Il desiderio di imitare le azioni della mamma e del papà si unisce ad un accresciuto grado di comprensione: comprende tantissime parole, conosce tutto il suo mondo, composto dagli oggetti e dalle persone che popolano la sua casa. 

Si muove con scioltezza e velocità, sa usare le manine e comprende tantissimo di ciò che gli dite: è giunto il momento di giocare con lui dandogli semplici comandi, che lui eseguirà con grande soddisfazione. Potete usare sia la semplice parola, sia la musica: canzoncine come “bella lavanderina” sono amatissime dai bimbi di questa età, corrispondono al desiderio di perfezionare le funzioni intellettive e motorie che sta maturando, e più gli parlerete e canterete, più arricchirete i linguaggi di cui diventa ogni giorno più padrone. 

Alla fine di questo dodicesimo mese compirà il suo primo anno di vita: avrà vissuto i 365 giorni più impressionanti della vita di ciascun essere umano, in cui avvengono i cambiamenti più grandi che il corpo e la mente di ciascuno di noi potrà mai sperimentare. I passi fatti finora lasceranno un segno fondamentale nel vostro bebè per tutta la vita, ma non li ricorderà; per voi rappresentano invece un’esperienza dolce e meravigliosa, che vi ha riempito di stupore e che ricorderete sempre, creando tra voi e vostro figlio un legame indissolubile, quel legame che giorno dopo giorno vi ha reso i genitori del vostro bambino, anche quando diventerà un uomo o una donna.