Dormire in gravidanza, le posizioni più comode col pancione

dormire in gravidanza

All’inizio dei nove mesi probabilmente neanche ci avrete fatto caso: tale è il sonno delle prime settimane che si dorme in qualunque posizione, senza particolare disturbi. Man mano che il pancione cresce però le difficoltà a fare una bella dormita possono essere tante: vi sentite ingombranti, per girarvi nel letto ci vuole la gru, dovete far pipì ogni mezzora e, per concludere il quadro meraviglioso, il vostro bimbo vi pianta i piedini sulla bocca dello stomaco e l’acidità non dà tregua. Dormire in gravidanza? Bella impresa!

Cominciamo dal primo trimestre. “Ora che sei incinta, non ti azzardare a dormire a pancia in giù!”. Quante di voi se lo sono sentito dire? In realtà, se è la posizione che preferite, non esiste nessun motivo per non assumerla. Se state prone, non rischiate certo di schiacciare il vostro piccino. L’unico fastidio potrebbe essere quello del seno, che fin dal principio della gestazione è molto più sensibile e potrebbe farvi male. Ma se non vi dà problemi state pure a pancia in giù.

Le cose si complicano un po’ quando la pancia comincia a crescere e dormire in gravidanza diventa via via più difficoltoso. Gli esperti concordano con il fatto che la posizione migliore è quella sul fianco, in particolare quello sinistro. Il motivo? In questo modo l’utero non schiaccia nessun organo interno, compresa la vena cava, il più grosso vaso sanguigno del nostro corpo che porta il sangue dagli arti inferiori al cuore.

Dormendo sul lato sinistro, anche il bambino non viene “compresso“. Per le stesse ragioni, gli addetti ai lavori sconsigliano di dormire a pancia in su o sul fianco destro, posizioni poco sane per fegato, intestino e reni. Quella supina, in particolare, non va bene in caso di gravidanze problematiche.

Se avete mal di schiena (disturbo tipico del terzo trimestre) provate a tenere un cuscino in mezzo alle gambe e tenetele piegate: questo semplice gesto alleggerirà il peso esercitato dal pancione sulla colonna vertebrale. Inoltre, ne beneficerà anche la circolazione sanguigna, che diventa più fluida e garantisce una migliore ossigenazione dei tessuti. E questo riguarda anche la placenta. Sembra infine anche che la posizione sul fianco sinistro per dormire in gravidanza riduca il rischio di emorroidi (altro fastidio comune) e allevia la nausea.

Sempre a proposito di cuscini: per riposare meglio potete anche metterne uno sotto la pancia o anche dietro la schiena. In commercio ne esistono parecchi, sono morbidi e lunghi, e potete metterli come volete.

E contro l’acidità di stomaco? Eh, bel problema! Ci sono donne costrette a dormire praticamente sedute nel letto o addirittura in poltrona per alleviare la sensazione fastidiosa. Anche in questo caso il consiglio è di sostenervi con dei cuscini, ricordando di non appesantirvi troppo a cena e di tenere a portata di mano qualche prodotto prescritto dal vostro medico.

Un altro disturbo che potrebbe comparire è l’insonnia. Saranno le preoccupazioni di diventare madre, il pancione, gli ormoni scombussolati o il caldo, ma può capitare di stare ore a fissare il soffitto nel cuore della notte. Non consumate cibi o bevande eccitanti prima di coricarvi (anche il cioccolato), fate una cena leggera e un bagno caldo (compatibilmente con l’estate!). Potete anche ricorrere al magnesio: chiedete al ginecologo.

Alcuni piccoli già nella pancia della mamma dettano legge e sembrano proprio non sopportare alcune posizioni che lei assume per dormire in gravidanza. Vi è capitato di sentirli scalciare come pazzerelli se vi mettete da un lato piuttosto che un altro? Beh, su questo aspetto c’è proprio poco da consigliarvi: accarezzate il pancione, parlate con il piccolo “diavoletto” e prendetela con un sorriso. Quando sarà nato vi mancheranno anche questi momenti

mag@2x