Skip to main content
search
Large - sezione Bambino
Small - sezione bambino
donna incinta vicino al lettino

Quante cose servono quando in una casa arriva un piccolino! Soprattutto se è il primo, ci sono parecchi acquisti da affrontare e si calcola che, da questo punto di vista, il primo anno sia il più impegnativo. Già durante la gravidanza quindi è meglio giocare d’anticipo e cominciare a pensare a cosa comprare per un neonato. Capiamo l’euforia, ma non dovete certo “svaligiare” un negozio! La scelta più saggia per fare acquisti oculati e saggi è la lista nascita.

Oggi la baby list è molto di moda perché ha alcuni indiscutibili vantaggi. Fino ad una decina di anni fa non era così comune come ai giorni nostri, ma adesso è quasi un must. L’unico dubbio che si potrebbe avere è su che tipo di lista nascita fare. C’è chi è affezionato a quella che classica si fa nei negozi, scegliendo “dal vivo” ogni singolo prodotto. Al contrario invece i genitori 2.0 prediligono quella online, da fare direttamente in pochi clic da pc o smartphone. Vediamo i pro e i contro di ciascuna delle due. Se già non l’avete, potrete dunque farvi un’idea di ciò che fa per voi. 

Perché fare una lista nascita 

Se pensiamo ad una lista nascita, ci viene in mente una sola parola: praticità. Avere un elenco di quello che ci serve per il nostro bambino, indirizzando gli acquisti di amici e parenti verso ciò che ci piace, è estremamente comodo. Prima di tutto si evita un grosso problema: quello dei doppioni. Che ve ne fareste di 3 sterilizzatori, 15 tutine della stessa taglia (i neonati crescono in fretta all’inizio) o 2 cuscini da allattamento? Un bel niente. Sarebbero solo regali che finirebbero in un angolino dell’armadio, inutilizzati. Un vero peccato. 

In secondo luogo, la lista nascita permette di risparmiare. Spesso ai clienti che la creano, sono riservati offerte e sconti speciali. Ma oltre a questo, scegliendo tra varie tipologie di prodotti si può mirare verso quelli che, a parità di rapporto qualità-prezzo, sono più convenienti. Per esempio, se vogliamo comprare un passeggino, le possibilità sono decine e decine, quindi potremo assolutamente trovare quello migliore per le nostre esigenze e per le nostre tasche. Che sia in negozio oppure online, la possibilità di scegliere è piuttosto ampia.

Tutto rose e fiori, quindi? In linea di massima potremmo dire di sì. Alcune coppie però si pongono una specie di scrupolo quando pensano di fare una lista nascita: quello di urtare la sensibilità dei parenti o degli amici. Tendenzialmente tutti desiderano fare un regalo al neonato, ma secondo alcuni la lista nascita li “obbligherebbe” a farlo e, soprattutto, costringerebbe a decidere tra ciò che abbiamo già scelto. Comunicando con educazione e dolcezza l’esistenza della lista, vedrete che non si creerà alcun “incidente diplomatico”. Ponete sempre l’accento sul fatto della comodità. Ricordate inoltre di inserire oggetti e accessori di varie fasce di prezzo, così chi acquista lo fa in base alle proprie possibilità o desideri. 

Alcuni genitori trovano difficile decidere in anticipo cosa occorre per il bebè. In realtà, questo è un “falso problema” perché basta fare un giro in Rete per avere le idee chiare su cosa può essere utile fin dall’inizio e cosa può essere posticipato. L’acquisto di alcuni accessori si può rimandare al battesimo o al primo compleanno. È il caso – tanto per fare un paio di esempi – del passeggino leggero oppure del lettino per la stanzetta.  

Per saperne di più Lista nascita: perché e quando farla

Lista nascita online: i vantaggi 

  • Comodità. Partiamo da una piccolissima premessa. In genere, la lista nascita si fa durante il secondo trimestre di gravidanza, quindi in un momento in cui il pancione comincia a farsi sentire e muoversi diventa un pochino più complicato. Fare una baby list praticamente dal divano e in pochissimi passaggi è il non plus ultra della comodità. I prodotti si scelgono direttamente online sulla piattaforma scelta, senza lo stress di uscire, parcheggiare, entrare e uscire dai negozi etc. In genere c’è un vero e proprio catalogo da cui selezionare (quello della lista nascita di Amazon ad esempio ha oltre 100.000 prodotti), suddiviso per categorie (abbigliamento, passeggini, accessori per l’allattamento o lo svezzamento, igiene, etc).
  • Raggiungibile da tutti. Il secondo punto di forza della lista nascita online è il fatto che praticamente chiunque può accedervi con un computer o, ancora più semplicemente, con il telefono. Nel momento in cui si crea, i genitori decidono se renderla pubblica o meno e poi la condividono con chi vogliono inviando una mail o un semplice messaggino. La condivisione della lista digitale è infatti molto semplice e intuitiva. Anche chi vive lontano può partecipare alla nascita del bimbo con un regalo: basta solo inviare il link della lista e il gioco è fatto. 
  • Regali a domicilio. Che bello quando suonano alla porta e portano i doni per il bimbo! Oltre che una bella emozione, la consegna a domicilio è anche una grande comodità. Nessun ritiro in negozio, nessuno stress, nessun partner “arrabbiato” di dover andare in centro città a recuperare pacchi e pacchetti. Gli acquisti arrivano direttamente a casa propria senza alcun costo aggiuntivo per chi ha realizzato la lista nascita. 
  • Gratuità. La lista nascita online è gratuita, cioè crearla non costa nulla. Inoltre, si paga solo quello che si acquista. Potete inserire 100 prodotti, ma se ne acquistate solo 50 pagherete soltanto quelli. Questo vi farà sentire meno “legati”, ma liberi di aggiungere tutto ciò che desiderate senza alcun impegno particolare. 

Lista nascita online: gli svantaggi 

  • I prodotti non si provano. L’acquisto a distanza purtroppo non consente di toccare fisicamente ciò che si vuol comprare. Come sarà quella copertina di lana al tatto? Ma quel passeggino sarà davvero resistente come pubblicizzano? Il fasciatoio entrerà nel mio micro bagno? Tutte domande legittime che, dietro lo schermo di un pc o di un cellulare, possono dare risposte convincenti fino ad un certo punto. Al contrario, andare per negozi permette di “testare” con attenzione ciò che vogliamo comprare, prendere misure, valutare con attenzione ogni minimo dettaglio, capirne meglio la qualità. La tecnologia a volte può essere un limite. 
  • Parenti anziani. In linea generale, anche le persone un po’ più in là con gli anni ormai hanno una particolare confidenza con tutto ciò che è tech. I nonni con lo smartphone non sono assolutamente una rarità. È anche vero però che ce ne sono tanti ancora un po’ refrattari e che tradizionalmente preferiscono andare in negozio, scegliere e farsi fare un bel pacchetto. Inoltre, ci sono persone che proprio non sono avvezze alla tecnologia e che automaticamente sono escluse da una lista nascita online, a meno che non ci siano un figlio o un nipote di buona volontà disponibili ad aiutarli. 
  • Consegna tardiva. Attenzione alla piattaforma che si sceglie per la propria lista nascita. Non tutte brillano per puntualità. Se non siete in largo anticipo, rischiate di ricevere in ritardo alcuni prodotti che magari vi occorrono immediatamente dopo il parto (un ovetto che arriva dopo 6 mesi dalla nascita non è il massimo dell’utilità…). Cercate quindi di capire molto bene i tempi di consegna di ciò che acquistate, in modo da non avere brutte sorprese e di non trovarvi in difficoltà. Inoltre, non fate la lista troppo tardi, per esempio all’ottavo mese di gravidanza: lasciatevi sempre un certo margine di tempo. In questo caso, è meglio prima che dopo!

Lista nascita in negozio: i vantaggi 

  • Consigli personalizzati. La lista nascita “fisica” si può fare in diversi luoghi: attività commerciali specializzate in prodotti per bambini, sanitarie, maxi store, negozi monomarca o multibrand etc. In ciascuno di questi troverete un commesso a vostra completa disposizione per darvi suggerimenti su cosa inserire nella lista, oltre che ovviamente per aiutarvi a compilarla in tutti i suoi aspetti fondamentali. Vi farà delle domande specifiche per capire tutte le vostre esigenze (se è il primo figlio, se avete già qualcosa per il bambino, ad esempio oggetti che vi sono stati prestati, se avete qualche preferenza per i prodotti, ad esempio di colore, quanto avete intenzione di spendere e così via). Il rapporto umano e diretto è senz’altro più piacevole che ritrovarsi da soli a scegliere online. Oltretutto si possono fare delle domande e ci si può affidare all’esperienza consolidata di chi è nel settore. 
  • Prova dei prodotti. Vi ricordate i quesiti che abbiamo riportato sopra circa la possibilità di “testare” gli oggetti della lista nascita? In negozio potete vedere e toccare ciò che vorreste comprare. E non è solo una questione di gusto (“e se poi il rosso del tessuto non è quello che mi piace?”), ma anche di qualità. Andando fisicamente a fare shopping si può verificare con i propri occhi (e le proprie mani) come sono realizzati i prodotti, scartando quelli che non convincono e cambiandoli con altri. E c’è anche un ulteriore aspetto interessante: guardandosi attorno potrebbero venire delle idee che, fino a quel momento, non erano venute, così da rendere la lista ancora più completa e ricca. Fare acquisti online è certamente comodo, ma andare per negozi è sempre più divertente! 
  • Nessuna spedizione. Se l’idea della spedizione vi mette ansia (“e se arriva tutto in ritardo come faccio??”), la lista nascita in negozio è la soluzione migliore. Vero è che spesso è un servizio previsto, ma si può sempre decidere di andare direttamente a recuperare in loco ciò che si è ordinato nel momento in cui arriva. Forse sarà meno pratico, ma di sicuro è molto più emozionante.
  • Più negozi, più scelta. Soprattutto se si vive in una grande città, ci si può muovere tra varie attività commerciali che, ovviamente, potrebbero proporre anche prezzi differenti. In questa maniera si ha la possibilità di preferirne una rispetto ad un’altra, ampliando le proprie scelte e quelle di chi desidera farci un regalo. Nessuno vieta tra l’altro di “spezzettare” la lista nascita in più negozi. Per esempio, una parte potreste farla in quello specializzato in trio e passeggini, un’altra in un posto con l’abbigliamento più carino e un’altra ancora nello store con tanti accessori. Dipende tutto da quello che volete comprare e anche da quante persone pensate potrebbero voler acquistare qualcosa. Ad esempio, inutile mettere in lista mille oggetti se la vostra famiglia non è molto grande. 

Lista nascita in negozio: gli svantaggi 

  • Necessarie più visite al negozio. Non penserete mica di cavarvela andando una sola volta e stop, vero? Purtroppo non è così che funziona. I “viaggi” potrebbero essere ben più di uno, sia per ordinare la merce che per ritirarla (a meno che non ci pensi direttamente chi vi fa il dono, ma non metteteci la mano sul fuoco). Quindi, tra caldo o pioggia (a seconda chiaramente della stagione), pancione, traffico, parcheggio e tutto il resto, la lista nascita in negozio potrebbe essere decisamente stancante. Inoltre, se optate per questa soluzione, tenete comunque presente che anche chi acquista dovrà andare dove l’avete fatta. Evitate quindi se possibile negozi troppo fuori mano per la maggior parte dei vostri amici o dei parenti, così da rendere le cose più semplici e non farli esasperare inutilmente. 
  • No recensioni di altri acquirenti. Uno degli aspetti positivi di comprare su Internet è la possibilità di leggere le opinioni altrui su un determinato prodotto. Sono in molti a farsi guidare dalle recensioni per i loro acquisti. Un giudizio negativo o positivo può certamente influenzare chi lo legge, anche se va preso sempre con le pinze. Se però le recensioni sono tante in un senso o nell’altro, diventano un po’ una cartina di tornasole sulla qualità dell’oggetto. In un negozio tutto questo non c’è. L’unica opinione che si ascolta quindi è quella dei commessi e, per ovvi motivi, potrebbe essere un po’ di parte e non particolarmente oggettiva. 
  • Obbligo d’acquisto. Chiariamo subito: non siete obbligate sempre a comprare tutto ciò che mettete nella lista nascita fatta all’interno di un negozio. Dipende essenzialmente dal tipo di prodotto di cui stiamo parlando. Se viene ordinato espressamente per voi (ad esempio, un trio che in negozio non c’è) e vi viene richiesto un acconto, è quasi sicuro che poi dovrete comunque concludere l’acquisto. Se invece si tratta di qualcosa che in magazzino si trova sempre l’obbligo potrebbe non sussistere. Qualora decidiate di fare una lista nascita in un negozio, il consiglio è sempre quello di informarvi sulle loro politiche di gestione della lista. Eviterete così di trovarvi davanti un conto sterminato per prodotti che alla fine non sono stati comprati.