Perché la disidratazione nel lattante è pericolosa?

disidratazione

La gastroenterite da Rotavirus può presentarsi spesso con febbre elevata e con numerosi episodi di diarrea e vomito che possono causare disidratazione, più o meno importante. Per disidratazione intendiamo una perdita di liquidi maggiore rispetto a quella assunta. Con la diarrea ed il vomito (ed anche per la febbre) il corpo perde sia acqua che sali minerali (sodio, potassio, cloro in particolare), indispensabili per far circolare bene il sangue e permettere il buon funzionamento delle cellule del nostro organismo.

Il corpo umano, ed in particolare quello dei bambini, è composto prevalentemente di acqua. I lattanti hanno minori riserve di acqua e sali minerali, per cui, in caso di malattie che causano rapidamente una perdita di liquidi, possono disidratarsi più facilmente rispetto ai bambini più grandi e agli adulti, con il rischio di complicanze anche gravi (convulsioni, danni renali, shock) se la disidratazione non viene precocemente riconosciuta e trattata. Una scarsa quantità di liquidi, di zuccheri e sali minerali porta ad una serie di manifestazioni cliniche che il corpo mette in atto per cercare di compensare le perdite.

In caso di disidratazione lieve o moderata,

• il bambino è assetato, inquieto o sonnolento;

• il bambino ha occhi infossati;

• le lacrime sono più scarse;

• la lingua è appiccicosa;

• la quantità di urine emesse è ridotta (i pannolini sono poco bagnati);

• il respiro è accelerato.

In caso di disidratazione grave, invece,

• il bambino è molto sonnolento o dall’aspetto comatoso;

• il bambino ha occhi molto infossati;

• il pianto è privo di lacrime;

• la lingua è molto asciutta o secca;

• le urine sono quasi assenti (i pannolini sono asciutti);

• il respiro è molto frequente oppure profondo e irregolare.

In tutte le forme di disidratazione si verifica una perdita di peso corporeo che è tanto più marcata quanto più grave è la disidratazione.

Nel caso di disidratazione lieve-moderata non ci sono conseguenze per la salute del bambino, se viene trattata presto e correttamente con somministrazione di apposite bevande reidratanti contenenti acqua, sali minerali e zuccheri.

La disidratazione grave può avere conseguenze severe, in particolare nei bambini al di sotto dei tre anni con febbre alta, in quelli che rifiutano o non riescono a trattenere la soluzione reidratante orale, nei prematuri, nei bambini malnutriti o con altre malattie. In questi casi possono verificarsi convulsioni, un danno renale dovuto allo scarso arrivo di acqua ai reni, una alterazione del ritmo del cuore, fino alla comparsa di uno stato comatoso e alla morte.

Il modo più efficace per prevenire le gastroenteriti da Rotavirus è la vaccinazione. Dal 2017 la vaccinazione contro il Rotavirus è fortemente raccomandata ed è offerta gratuitamente da Servizio Sanitario Nazionale. Se sei una mamma in attesa, o se hai appena avuto un bambino, chiedi subito informazioni al tuo pediatra sulla vaccinazione anti-Rotavirus: è un grande gesto di protezione e amore verso il tuo bambino.

Scopri di più sul sito https://www.unapreoccupazioneinmeno.it/

Campagna informativa realizzata con il patrocinio di FIMP – Federazione Italiana Medici Pediatri

Prevenzione Rotavirus - GSK - Tipo A01