Occhiali per bambini, i "trucchi" per farli abituare

occhiali per bambini
article_banner – 13@2x

Negli ultimi anni, l’uso degli occhiali per bambini ha registrato una forte impennata. Una crescita dovuta in generale al maggior numero di controlli oculistici effettuati già intorno ai tre anni. Secondo gli esperti, infatti, intervenire su un bimbo più piccolo permette correzioni più efficaci e meno complicate. A 5 o 6 anni si va incontro a una condizione del tutto “formata”. Inoltre, il bambino non dovrà iniziare la scuola primaria sentendosi improvvisamente “diverso”. Al contrario, se coinvolto nella scelta e nell’utilizzo sin dal suo inizio, troverà del tutto naturale “indossare” le sue lenti speciali anche in un nuovo ambiente.

Purtroppo però non tutti i bambini accettano gli occhiali da vista con il sorriso. I più grandicelli per fattori estetici, i più piccolini per la paura di essere derisi dai compagni di scuola. A volte diventa davvero complicato per i genitori salvaguardare e proteggere la vista dei propri figli. Eppure qualche trucco per far mettere gli occhiali più volentieri esiste.

Occhiali per bambini: l’acquisto

Come primo step, super genitori, prendetevi del tempo da dedicare all’acquisto delle giuste montature. Create un’atmosfera positiva e divertente in cui vostro figlio capirà di essere proprio lui il vero protagonista e di poter scegliere tra le tantissime e coloratissime montature di oggi. Se gli occhiali diventano un “oggetto di chiara proprietà”, il bambino avrà più voglia di indossarli proprio perché li sentirà suoi. 

A proposito di montature, molte hanno anche le asticelle intercambiabili, cosa da non sottovalutare nella sua percezione di poter avere occhiali sempre diversi. Di modelli ne esistono molti. L’aspetto fondamentale è che la montatura sia leggera. Solo così potrà essere ben tollerata dal bambino. Fate attenzione che sia della misura giusta: non devono scivolare sul naso. Comprare una montatura grande così da non doverla cambiare con la crescita è un criterio sbagliato.

Inoltre, soprattutto per i più piccini, scegliete materiali morbidi, anallergici, flessibili e al contempo leggeri. E devono essere sempre certificati. Meglio spendere qualcosa in più, che acquistare un prodotto di scarsa qualità. 

Occhiali per bambini: attenzione alla sicurezza

Per fortuna oggi diversi centri e, addirittura le stesse ASL, promuovono visite gratuite già nelle scuole materne. L’attenzione è in effetti cresciuta un po’ ovunque ed è tutto più naturale. Il bimbo a un certo punto si dimenticherà persino di essere stato “costretto” a portare qualcosa che non gli andava. Talmente tutto sarà naturale che dovrete essere attenti alle future potenziali cadute accidentali! Meglio usare modelli sicuri, con i laccetti, magari in silicone, da applicare alle asticelle.

Importantissime sono poi le lenti. Per i bimbi, non vengono praticamente mai proposte in vetro come quelle degli adulti perché un banale capitombolo potrebbe avere conseguenze molto più serie. In genere dunque sono in plastica. 

Ricordate poi sempre di avere un paio di occhiali di scorta. Anche se i materiali moderni sono sempre più resistenti, meglio tenersi pronti in caso di incidente.

article_banner – 11@2x

Occhiali per bambini: i trucchi per farli accettare

In una fase successiva all’acquisto, il bambino dovrà essere messo al corrente dei vantaggi reali dell’indossarli, senza pressioni o imposizioni ma senza mai cedere. Se ha bisogno delle lenti, le dovrà portare ma gli va spiegata l’importanza generale per il suo benessere. Se, infine, qualche bimbo furbetto prenderà in giro vostro figlio, non aumentate l’avversione verso gli occhiali pressandolo a indossarli. Cercate piuttosto di mostrargli degli esempi positivi, facendogli notare chi in famiglia e nella vita di tutti i giorni li porta (zii, cuginetti, mamma, papà). 

Se poi è un tipo creativo, meglio coinvolgerlo con giochi pensati ad hoc dove gli occhiali diventano magici, o usate similitudini con i super eroi del momento (quelli con le lenti, è chiaro!). Il bambino in tal modo non solo avrà maggiore fiducia in se stesso, ma capirà che la presenza degli occhiali nella vita di tutti i giorni non influenzerà affatto il suo rapporto con gli altri bambini o con mamma e papà.

Occhiali per bambini: la gestione

Infine attenzione alla gestione. Il bambino sin da subito deve imparare a gestire in autonomia i suoi occhiali. Ecco le principali regole: 

  • toglierli con due mani;
  • non appoggiarli mai in modo da graffiarli (le lenti non devono mai essere a contatto con la superficie su cui si mettono); 
  • conservarli al riparo nell’astuccio;
  • se possibile, non usarli mentre si fa sport; 
  • pulirli correttamente più volte al giorno. 

Gli occhiali sono un oggetto “speciale”, di sicuro un po’ magico, e come tale va trattato. Anche dai nostri bimbi.

article_banner – 13@2x
2 I like it
0 I don't like it