Skip to main content
search
Large - arriva la nuova sez baby
ragazza incinta con capelli lunghi sul divano

Quaranta settimane di stravolgimento totale, chiome incluse! I capelli in gravidanza molto spesso sono sconvolti. Ve ne siete accorte alla grande, vero? Sin dai primi giorni, ogni donna avverte delle alterazioni, sia a livello corporeo, che emotivo. La gestazione cambia la pelle, influisce sulle ossa e può modificare – in meglio o in peggio – uno dei simbolo più importanti della bellezza femminile: la capigliatura.

Perché i capelli in gravidanza sono più belli

Per alcune future mamme, la gestazione è accompagnata da un incremento della crescita dei capelli, che diventano più robusti e brillanti. Questo accade perché, durante i nove mesi, vi è un innalzamento della produzione di estrogeni che aumentano lo spessore e la crescita dei capelli, mantenendoli così più a lungo nella fase di anagen (che è, appunto, quella in cui crescono).

Capelli deboli in gravidanza

Alcune di voi si staranno guardando allo specchio pensando “Ma quando mai! La situazione è disperata!”. Al contrario di quello che abbiamo appena scritto, può succedere che i capelli in gravidanza siano malmessi. Sono secchi, si spezzano e cadono: sono inconvenienti che possono capitare alle mamme in attesa. 

La buona notizia è che, per riavere una chioma folta e lucente, non è necessario aspettare il parto. Utilizzando spesso una buona maschera o il balsamo, potrete combattere facilmente la disidratazione. Chiedete consiglio al parrucchiere su quali prodotti scegliere: i capelli in gravidanza hanno bisogno di attenzioni speciali.

Tinta capelli in gravidanza

Per precauzione sconsigliamo la tintura tradizionale con ammoniaca o altre sostanze che possono essere assorbite attraverso il cuoio capelluto e che potrebbero non fare bene al vostro piccino. State comunque tranquille se avete fatto la tinta in gravidanza prima di scoprire di essere incinta: nelle prime settimane non c’è scambio di sangue tra mamma e feto. 

Un’alternativa al colore classico è l’henné, una sostanza naturale che non ha effetti tossici: si può scegliere tra varie sfumature a seconda della propria base. Nessuna controindicazione invece per i colpi di sole o le mèches, che il nostro parrucchiere applica solo sulla lunghezza del capello e non toccano la cute.

Cosa succede ai capelli dopo il parto

Dopo il parto, avviene un drastico calo degli estrogeni, responsabile nei due mesi successivi di un’importante caduta dei capelli, comune a molte neomamme. Quelle che allattano potrebbero perderne anche di più per effetto dell’ormone prolattina. Si tratta comunque di una condizione temporanea che, nella maggior parte dei casi, torna alla normalità entro sei mesi o poco più.