Educare ai no nella prima infanzia

Educare ai no nella prima infanzia

Casa editrice: Erickson

Anno di pubblicazione: 2014

Ristampa: Si

Tipico dubbio da mamma: ma ai bambini si può dire sempre sì? Risposta negativa, cui segue un altro dilemma: e come si fa a spiegar loro il significato dei no? Come fargli capire che è necessario che qualche volta negare un permesso e che questo viene fatto per il loro bene e non per un nostro capriccio? In nostro soccorso arriva un libro dal titolo molto chiaro: “Educare ai no nella prima infanzia. Insegnare i limiti e promuovere l’autonomia”, scritto dalla pedagogista brasiliana Laura Monte Serrat Barbosa.

Oggi i nuovi stili educativi sono inevitabilmente influenzati da molti aspetti di cui i nostri genitori non dovevano neanche preoccuparsi: ad esempio, la modernità e le nuove tecnologie. Ai nostri giorni diventano invece determinanti per la crescita dei nostri figli e dobbiamo saperci destreggiare. Il libro  “Educare ai no nella prima infanzia. Insegnare i limiti e promuovere l’autonomia” fa un confronto molto interessante tra i modelli educativi del passato e quelli attuali. L’accento viene posto sugli aspetti fondamentali della genitorialità, dalla crisi dell’autorevolezza alla costruzione di una comunicazione efficace, dalle implicazioni dei nuovi media alla gestione della vita scolastica, dalla promozione dell’autonomia all’insegnamento del senso del limite.

E questo è il punto cruciale da cui siamo partiti. Il volume dà ai genitori consigli e strumenti per essere capaci di saper dire di no ai propri figli, senza paura di perderne per questo l’affetto oppure di sembrare “cattivi”. Il nocciolo della questione è saper dimostrare loro che i no possono essere detti per il loro bene. Riappropriarsi della capacità di dire no al momento giusto significa riacquisire la missione educativa e insegnare fin dalla prima infanzia ai propri bambini a comprendere il valore dell’autodisciplina, il senso di responsabilità e le regole della convivenza.

Laura Monte Serrat Barbosa è laureata in Pedagogia alla Pontificia Università Cattolica del Paranà, insegna in varie università brasiliane ed è membro e consigliere dell’Associazione brasiliana di Psicopedagogia. Autrice di numerosi volumi e articoli, i suoi principali interessi di ricerca sono l’intervento psicopedagogico, le difficoltà di apprendimento, la valutazione psicopedagogica istituzionale, l’inclusione scolastica, il processo di apprendimento.

Potete acquistare direttamente il libro cliccando QUI.

1 I like it
0 I don't like it