Interviste

Varicocele, cos'è e come si cura

Varicocele, cos’è e come si cura
Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

Urologo, andrologo, sessuologo Palermo
www.emilioitaliano.it

Oggi parliamo di uomini, anche se siamo su iMamma. Dedichiamo loro un approfondimento su un disturbo piuttosto comune che però può avere delle ripercussioni anche sulla donna e, più in generale, sulla possibilità di avere una gravidanza: il varicocele. Perché abbiamo deciso di trattare questo argomento insieme al dottore Emilio Italiano, urologo e andrologo? Perché sono ancora tanti coloro che si vergognano di avere un problema “intimo” e non ne parlano. Ed è un errore perché spesso il varicocele impedisce ad una coppia di avere un bambino. Vediamo in dettaglio.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Dottor Italiano, cos’è il varicocele?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“Il varicocele è la presenza di vene varicose del plesso pampiniforme ed è la fonte di molte controversie nella letteratura medica. È stata chiamata la causa più comune di infertilità maschile correggibile, ed è noto per provocare dolore e ipotrofia (rimpicciolimento) testicolare in alcuni pazienti”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Quanto è frequente?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“Rappresenta il 6% all’età di 10 anni per aumentare al 15% all’età di 13 anni stabilizzandosi nell’età adulta. Tra le coppie infertili, l’incidenza di varicocele aumenta al 30-40%”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Quali sono i sintomi?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“Spesso il paziente riferisce pesantezza al testicolo sinistro, specie dopo uno sforzo fisico o prolungata stazione eretta. Altre volte toccandosi da solo avverte un ‘ingombro’ nella regione scrotale, motivo poi del consulto andrologico”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Da cosa è causato il varicocele?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“Il varicocele si verifica quasi esclusivamente sul lato sinistro dello scroto a causa di una assenza o incompetenza delle valvole nella vena spermatica interna di sinistra; questa ha un decorso verso l’alto molto lungo sino a sboccare ad angolo retto nella vena renale omolaterale”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Ci sono dei fattori di rischio?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“È stata evidenziata una familiarità che incide nel 15% dei maschi. Altri fattori di rischio sono la prolungata stazione eretta per tutta la giornata per motivi lavorativi e l’attività fisica molto spinta. Anche l’altezza di un maschio è importante: i longilinei hanno una frequenza maggiore rispetto ai meno alti”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Come si fa la diagnosi?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“Dopo la raccolta anamnestica, che spesso evidenzia la sintomatologia, il passo successivo è l’esame fisico. All’esame obiettivo, varicoceli di grandi dimensioni sono visibili, palpabili, e aumentano di dimensione con la manovra di Valsalva (aumento della pressione addominale trattenendo il respiro e spingendo verso il basso). La conferma della della diagnosi avviene con l’esecuzione di un Ecocolor-Doppler scrotale, ma l’esame più importante è l’esame seminologico o spermiogramma”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Di cosa si tratta?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“L’esame essenziale per decidere se effettuare un intervento per la correzione del varicocele è l’esame seminologico o spermiogramma. È un esame operatore dipendente: viene condotto da biologi che devono avere piena competenza nella esecuzione e nella lettura dell’esame e rispettare i criteri dettati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che aggiorna periodicamente i parametri di valutazione. Un andrologo sa leggere tra i numeri, talvolta privi di senso, di un esame mal eseguito”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

A quale specialista ci si deve rivolgere?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“La figura dell’andrologo, specie se con competenze alle problematiche di infertilità, è ormai perfettamente riconosciuta ed inquadrata e rappresenta l’analogo del ginecologo per la donna, con la possibilità di effettuare visite anche in pieno benessere e chiarire ogni dubbio inerente alla crescita sessuale del maschio”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Come incide il varicocele sulla fertilità?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“L’ingorgo del plesso pampiniforme di sinistra e delle collaterali venose vicino al testicolo sinistro determina una elevata temperatura scrotale e un aumento di pressione che causa ipossia (diminuzione di ossigeno), stress ossidativo ed una concentrazione di testosterone più bassi nel testicolo. La più comune anomalia spermatica negli uomini affetti da varicocele è una scarsa motilità degli spermatozoi (forme mobili inferiori al 39%), seguita dalla morfologia anormale e, in misura minore, la diminuzione della conta degli spermatozoi al di sotto del normale valore di 15 milioni/ml secondo l’ultimo dato della Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) (WHO 2010)”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Come si cura?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“Le tecniche di correzione sono sostanzialmente due: la tecnica chirurgica e la scleroembolizzazione. La riparazione chirurgica di un varicocele è di solito eseguita come chirurgia ambulatoriale in anestesia generale. Fatta una piccola incisione si identificano la vena spermatica principale e i rami collaterali che si legano per deviare il flusso di sangue nelle altre vene. L’incisione può essere retroperitoneale (“legatura alta”), inguinale o sub-inguinale. La scleroembolizzazione del varicocele è stata eseguita alla fine del 1970. Si tratta di una procedura ambulatoriale, eseguita in anestesia locale. Un piccolo catetere angiografico è introdotto nel sistema venoso tramite la vena femorale o la vena basilica. Il catetere viene guidato con l’ausilio di fluoroscopia sino alla vena renale sinistra. Successivamente viene iniettato un mezzo di contrasto che visualizza la vena spermatica nel suo decorso. Il catetere viene poi manovrato più in basso sino al livello dell’anello inguinale interno. Di solito la vena o i suoi rami collaterali vengono poi embolizzati iniettando solo piccole quantità di sostanze sclerosanti o colle necessarie per occludere i vasi”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Il varicocele si può prevenire?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“Trattandosi di una incompetenza valvolare, suggerire di ridurre gli sforzi fisici che fanno aumentare la pressione addominale, così come ridurre la lunga permanenza in piedi non è affatto facile, né da consigliare né da realizzare”.

Monica Diliberti Monica Diliberti

Monica Diliberti

Un controllo periodico è auspicabile per diagnosticare precocemente il disturbo?

Dr. Emilio Italiano Dr. Emilio Italiano

Dr. Emilio Italiano

“La visita andrologica è visita di prevenzione nel maschio giovane a partire da 14-15 anni e da eseguire periodicamente ogni due anni. Lo specialista consiglierà un approfondimento diagnostico (ecografia e/o esame seminologico) a seconda del riscontro obiettivo”.