Skip to main content
search
Large - arriva la nuova sez baby
Bonus mamme domani

Ci siamo, mamme! La circolare dell’Inps è finalmente arrivata e il Bonus mamme domani di 800 euro sta per diventare realtà. In tante aspettavate questo momento, vero? E ora possiamo dire che il traguardo è a un passo. Le domande si possono presentare dalla prossima settimana.

La nota dell’Inps è stata firmata ieri, 28 aprile, e detta tempi e modalità per la presentazione delle istanze per ottenere il contributo per la nascita o l’adozione di un bambino a partire dal 1° gennaio 2017. Come già detto, visti i ritardi, la norma sarà retroattiva: per fare un esempio, se avete partorito in questi primi mesi dell’anno potete richiedere il contributo.

Quando si può fare domanda per il Bonus mamme domani

La domanda può essere presentata solo ed esclusivamente per via telematica a partire da giovedì 4 maggio e comunque improrogabilmente entro un anno dalla nascita o dall’adozione (solo per chi ha partorito o adottato un bimbo dal 1° gennaio al 4 maggio 2017, data di rilascio della procedura telematizzata di acquisizione, il termine di un anno parte dal 4 maggio).

Per cosa si può chiedere il Bonus mamme domani

Quando la inoltrate dovete precisare per quale evento chiedete il Bonus mamme domani e cioè:

  • compimento del settimo mese di gravidanza (cosa che, a scanso di equivoci, significa aver concluso il settimo mese e cominciato il successivo);
  • nascita del bimbo (anche se prima dell’inizio dell’ottavo mese);
  • adozione definitiva o affidamento preadottivo.

Queste sono quindi le tre condizioni indispensabili per poter ottenere il Bonus.

Attenzione: se fate domanda quando finite il settimo mese, non dovete presentarla nuovamente al momento del parto perché è valida la prima istanza. Però in caso di parto plurimo, anche se già c’è la richiesta del settimo mese, ne va presentata un’altra per la nascita con tutti i dati dei bimbi: la somma verrà così integrata (significa che vi saranno dati 800 euro per ogni figlio).

Come presentare domanda per il Bonus mamme domani

Ecco le modalità di presentazione della richiesta:

  • WEB: servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Inps (www.inps.it >Servizi on line> servizi per il cittadino> autenticazione con il PIN dispositivo> domanda di prestazioni a sostegno del reddito> premio alla nascita);
  • Contact Center Integrato – numero verde 803.164 (numero gratuito da rete fissa) o numero 06 164.164 (numero da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante);
  • Enti di Patronato (cioè i Caf) attraverso i servizi offerti dagli stessi.

Quali documenti servono per il Bonus mamme domani

La domanda dopo il compimento del 7° mese di gravidanza deve essere corredata dalla documentazione sanitaria – rilasciata da un medico del Servizio sanitario nazionale – che attesti la data presunta del parto. Saranno accolte anche le domande di donne che hanno terminato il settimo mese, ma che non hanno portato a termine la gravidanza. Ovviamente è necessaria la documentazione medica che lo attesti.

Se la domanda è presentata in relazione al parto già avvenuto, la madre dovrà autocertificare nella domanda il codice fiscale del bambino. Questo vale anche in caso di parto gemellare, proprio perché la somma viene riconosciuta per ogni bimbo nato (idem se ci sono più minori adottati).

Come viene pagato il Bonus mamme domani

La cifra del Bonus mamme domani viene corrisposta in un’unica soluzione attraverso bonifico domiciliato, accredito su conto corrente bancario o postale, libretto postale o carta prepagata con IBAN.

Requisiti per il Bonus mamme domani

Il Bonus mamme domani può essere richiesto indipendentemente dal proprio reddito. Bisogna solo avere la residenza italiana, la cittadinanza italiana o comunitaria (le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria sono equiparate alle italiane) e, per le cittadine non comunitarie, il permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo oppure una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini Ue.