Ecco qual è la ginnastica migliore da fare prima del parto

ginnastica preparto
article_banner – 13@2x

Qualunque sia la settimana di gravidanza in cui vi trovate, ormai lo sapete: se la gestazione procede senza particolari problemi e non avete disturbi fastidiosi o invalidanti (ad esempio, il vomito o improvvisi cali di pressione), un po’ di attività fisica è necessaria, sia per non ingrassare troppo, sia per garantirvi una buona dose di benessere. La ginnastica preparto migliore è quella che, oltre a farvi sentire bene, vi prepari al grande momento.

L’obiettivo della ginnastica preparto è quello di rendere tonica la vostra muscolatura, con particolare riguardo per i muscoli addominali e quelli del pavimento pelvico, che sono quelli che vengono sollecitati maggiormente durante il parto. Rinforzarli con un certo anticipo vi aiuterà ad evitare qualche fastidio, come le perdite involontarie di urina. Inoltre, vi serviranno per la respirazione. Se però il medico vi ha vietato l’attività fisica, chiedetegli un parere.

article_banner – 11@2x

Questi esercizi solitamente vengono svolti durante i corsi di preparazione al parto. Non è detto però che tutte le strutture che li fanno abbiamo ad esempio lo spazio sufficiente per potersi anche muovere liberamente e fare ginnastica. E’ quindi importante scegliere quei corsi che vi possono offrire questa possibilità. E’ stato infatti dimostrato che una costante ed attenta attività fisica in gravidanza rafforza i muscoli e migliora l’elasticità delle articolazioni, facilitando le fasi che vi porteranno verso il parto e predispongono il vostro fisico a riacquistare la linea che avevate prima di rimanere incinta.

Gli scopi della ginnastica  preparto sono molteplici Questo è un piccolo elenco dei principali obiettivi che ostetriche e istruttori si pongono:

  1. raggiungimento dell’elasticità muscolare soprattutto del pavimento pelvico (con conseguente riduzione dell’episiotomia, cioè l’incisione chirurgica del perineo);
  2. il controllo della respirazione, che viene legato al rilassamento dei singoli distretti muscolari;
  3. migliorare il funzionamento cardiovascolare;
  4. prevenire il dolore a schiena e gambe, aiutare il regolare flusso sanguigno;
  5. dare sostegno psicologico alle gestanti.
  6. farvi acquisire maggiore autostima, rendendovi più forti e pronte ad affrontare il parto.
yal@2x
2 I like it
1 I don't like it