iMamma sbarca su Alexa, assistente vocale di Amazon

Alexa

article_banner – 11@2x-2

Aprire iMamma semplicemente con la propria voce e chiedere, ad esempio, qual è la data presunta del parto. Oppure, se si è alla ricerca di una gravidanza, domandare quali sono i giorni più fertili del proprio ciclo. Fantascienza? Follia? Scherzetto di Halloween? Niente di tutto questo! Da oggi apriamo le porte anche a questa opportunità unica e interessante. iMamma infatti è appena sbarcata su Alexa, l’assistente vocale di Amazon, una novità fresca fresca in Italia.

E noi ci siamo. Per voi.

Per capire cos’è Alexa e come funziona, prendiamo spunto dagli assistenti vocali dei nostri smartphone, quelli cioè che possiamo “comandare” attraverso la nostra voce, ad esempio per far partire una telefonata o controllare il meteo. In parole semplici, Alexa è la stessa cosa e permette di compiere moltissime azioni: dalla creazione di una lista su Amazon all’acquisto vero e proprio, dall’ascolto di un po’ di musica al controllo degli elettrodomestici in casa, fino alla consultazione di iMamma.

iMamma rientra tra le circa 400 “skills” scelte da Amazon finora per supportare i suoi clienti in Italia (in America, dove Alexa esiste già da parecchio tempo, superano le 30.000). Le “skills” sono come delle app che si possono attivare con la voce. Lo Skill Store di Amazon si aggiornerà continuamente, ma noi siamo già . I primi nel settore della gravidanza.

article_banner – 11@2x

Attraverso un semplice comando vocale (del tipo: “Alexa, apri iMamma“) ecco per voi un nuovo modo di consultare la app preferita da chi ha il pancione. Sì perché per iMamma l’innovazione è un punto di forza straordinario. Lo dimostrano i continui aggiornamenti della app, ma anche le sperimentazioni su nuovi mezzi, proprio come Alexa. L’obiettivo è uno solo: offrirvi il massimo. Sempre e ad ogni costo. E, considerato il numero sempre crescente di utenti, pensiamo di essere sulla buona strada

Vediamo in dettaglio le potenzialità di questa novità tecnologica. Alexa vi darà il benvenuto su iMamma e vi permetterà di fare altre domande. Ad esempio, dopo che vi avrà chiesto la data dell’ultima mestruazione, si può domandare a che mese di gravidanza ci si trova, quanto manca al parto o qual è la data presunta. È anche possibile ridatare la propria gravidanza. 

Alexa può anche diventare un supporto nella ricerca di un bambino. Fornendo la data dell’ultimo ciclo mestruale, Alexa non soltanto potrà calcolare per voi i giorni fertili, ma farà di più. Se le comunicherete la presenza di muco cervicale (chiaro segno che l’ovulazione è in corso), saprete quando concentrare i rapporti sessuali col vostro partner: in questo modo avrete più probabilità di restare incinta. 

Per utilizzare Alexa occorre dotarsi di un dispositivo Echo, un altoparlante intelligente che si controlla, appunto, con comandi vocali. Ne esistono molti modelli con caratteristiche diverse (date un’occhiata QUI). Il dispositivo Echo consente di avviare una marea di attività: ascoltare musica, accendere la tv o la luce, sapere quali sono i programmi televisivi, accedere alla propria agenda di appuntamenti, ordinare del cibo, conoscere i risultati delle partite e moltissimo altro. Basta collegarsi attraverso la app Alexa dello smartphone e il gioco è fatto.

Con Alexa e iMamma gestire la vostra gravidanza sarà ancora più facile e divertente. E noi siamo orgogliosi di regalarvi una nuova e intensa emozione

article_banner – 12@2x-2
3 I like it
0 I don't like it