Gonfiori addominali in gravidanza: le cause e i rimedi

gonfiori addominali

La gravidanza è un’esperienza unica e meravigliosa che a volte può presentare inconvenienti più imbarazzanti che dolorosi, ma che comunque influenzano la vita quotidiana della futura mamma. Un esempio sono i gonfiori addominali correlati alla creazione di gas intestinali.

Prima della fine del terzo trimestre, infatti, a causa del progesterone che trattiene i liquidi, rallenta le funzioni intestinali e rilassa i tessuti del tratto gastrointestinale, e di un alto livello di estrogeni che dilata l’utero, possono presentarsi spesso episodi di flatulenza e forte nausea.

La donna sente che la pancia è tesa e gonfia e, in effetti, è proprio l’equilibrio del sistema gastrointestinale a essere alterato da questa nuova condizione ormonale. L’aria nella pancia, dovuta alla presenza di gas, può essere accompagnata dal cosiddetto “mal di pancia di inizio gravidanza”: una sensazione sgradevole definita meteorismo in gravidanza che, nel peggiore dei casi, è accompagnata da coliche (per l’appunto, meteorismo colico causa di spasmi o stipsi).

Nel tempo, man mano che la gravidanza avanza, l’utero esercita una pressione sempre maggiore sullo stomaco e sull’intestino: un’azione che rallenta la digestione che a sua volta comporta l’aumento della produzione di gas, con i conseguenti gonfiori addominali, e della sensazione di disagio.

Insieme a questi cambiamenti del tutto naturali, la formazione di gas può essere causata anche da fattori esterni quali un’alimentazione scorretta o il mangiare troppo rapidamente. Quando si mangia o si beve (in particolare bibite gassate), è facile “ingerirearia e quindi creare gas; il progressivo aumento di peso poi favorisce il rallentamento del percorso digestivo dei cibi. A tali condizioni “eccessive” l’organismo risponde con manifestazioni di flatulenza ed eruttazione.

Esistono tuttavia alcuni rimedi dettati dal buon senso e dall’esperienza che rappresentano un valido aiuto naturale per ridurre notevolmente la produzione dei gas intestinali e dei gonfiori addominali. Evitare di mangiare quei cibi che facilitano la formazione di aria (divieto a cipolle, cavoli, fagioli, cibi fritti, salse) e consumare con lentezza pasti leggeri ed equilibrati aiuta il corpo a trovare un nuovo equilibrio senza la produzione di sacche di gas nella pancia.

Alcune tisane, i semi di finocchio, la malva e lo zenzero consumati quotidianamente favoriscono ad esempio la digestione ma bisogna utilizzarli sempre senza esagerare e ascoltando le reazioni del proprio corpo. Niente alcolici, insaccati, cibi troppo elaborati e raffinati: meglio cereali integrali, pane ben cotto e prodotti freschi e/o con pochi grassi.

Bisogna cercare di mantenere una flora batterica intestinale efficiente tramite alimenti probiotici come lo yogurt, consumare frutta e verdura ogni giorno ed eliminare bevande eccitanti e ricche di scorie.

Accompagnare questi cambiamenti ad attività sportive adatte alla pancia che cresce è poi un’ottima soluzione contro i gonfiori addominali: camminare, nuotare e, se la condizione lo permette, fare anche esercizi di ginnastica dolce (in acqua è preferibile) dovrebbero accompagnare non solo le donne in dolce attesa ma chiunque voglia mantenersi in forma.

Entero 4 Flor - Integratore alimentare di fermenti lattici attivi
16 I like it
1 I don't like it