Corredino del neonato, cosa si deve portare in ospedale

corredino del neonato
article_banner – 13@2x

La data presunta del parto si avvicina e, inesorabilmente, ecco che arriva anche il famigerato dubbio: il corredino del neonato è pronto, ma cosa devo portare in ospedale? La valigia per il parto è senza dubbio la più bella ed emozionante che abbiate mai preparato. In confronto quella per il viaggio di nozze era niente! Il dilemma però su cosa metterci dentro per il piccolo è legittimo. Oggi parliamo di ciò che serve a lui, poi toccherà anche a voi mamme.

In genere, ogni ospedale fornisce una lista con le cose del corredino del neonato da portare per il parto (idem per la mamma). Possono variare le quantità, ma bene o male gli oggetti sono sempre gli stessi. Informatevi comunque nella struttura dove partorirete per avere un’idea di ciò che occorre e cosa invece lasciare a casa per evitare di avere con voi roba inutile o bagagli “extrasize“.

Molte strutture sanitarie richiedono che i vestiti del corredino del neonato siano messi in buste trasparenti e chiuse, sulle quali apporre un’etichetta con il nome e cognome del bimbo. Chiedete ai responsabili del reparto maternità se va fatto così oppure se è sufficiente prepararli nella borsa del vostro cucciolo.

Ecco quindi cosa iMamma suggerisce di portare con voi in ospedale per la nascita del vostro gioiello:

  • 4 “camicine della fortuna”: sono quelle piccole camicie, di cotone, lino o seta, che si mettono proprio a contatto con la pelle del piccolo. È una tradizione antica, che si dice porti fortuna al neonato.
  • 4 body: sceglieteli sempre a maniche corte perché sono più pratici da usare. Se fa tanto freddo in caso appesantite sopra con una giacchetta. E prendeteli aperti sul davanti, piuttosto che solo sotto: sono molto ma molto più comodi e facili da usare per una mamma alle prime armi!
  • 4 coprifasce: sono le tutine a due pezzi, con pantalone e giacca.
  • 4 bavaglini.
  • 2-3 tutine.
  • 4 paia di calzini.
  • teli quadrati di cotone.
  • un accappatoio di spugna morbida.
  • un pettinino.
  • un cappellino: andrà messo già dopo il parto. In estate serve a proteggerlo dall’eventuale aria condizionata dell’ospedale, in inverno dal freddo che potrebbe provare una volta lontano dal calore del ventre materno.
  • quadrotti di cotone per il cambio pannolino: immersi nell’acqua saranno molto meglio delle salviette umificate, che vanno usate solo in caso di necessità, ad esempio fuori casa.
  • quadrotti di lino per le parti delicate.
  • set retina elastica ombelicale (per la cura del moncone).
  • pannolini: si consiglia di portarne… un bel po’!
  • 2 completini per la culla.
  • 2 copertine: una per la culla, l’altra per avvolgere il piccolo quando lo allattate.
  • olio detergente per il bagnetto.
article_banner – 11@2x

Questa è una lista di corredino del neonato per l’ospedale diciamo “base“, ma possono esserci anche delle cose in più da portare. Per esempio, c’è chi si munisce di crema per il sederino, di ciuccio (sul suo uso nelle prime ore di vita ci sono pareri discordanti perché interferirebbe con il buon avvio dell’allattamento) oppure di biberon (oggetto abbastanza inutile, a meno che non si decida già a priori di non voler allattare). In inverno si potrebbe anche aggiungere il sacco nanna, che consente al piccolo di dormire sempre al caldo e che può essere utilizzato anche per uscire dall’ospedale per fare ritorno a casa.

Un aspetto importante nella scelta del corredino del neonato da avere con sé in ospedale riguarda i tessuti. Quali scegliere in base alla stagione? Iniziamo dalla primavera e dall’autunno: la ciniglia potrebbe essere troppo pesante, con ovvie differenze a seconda della regione in cui abitate. In linea di massima il caldo cotone è l’ideale, anche perché non dà fastidio alla pelle, mentre per calzini, cappellino e copertina andrà bene il cotone.

Sempre cotone per l’estate, sia per gli indumenti a contatto con la pelle (tipo i body) che per le tutine. No secco alle fibre sintetiche: la pelle dei neonati è super delicata e alla prima sudata si riempirebbe di puntine. a maniche e pantaloncini corti, ma tenete sempre a portata di mano una copertina leggera di cotone (ad esempio, per l’aria condizionata). L’inverno è la stagione della ciniglia per antonomasia. Niente lana invece perché può irritare la pelle. Va bene però per il cappellino per uscire dall’ospedale e per le coperte. Ricordate comunque che un’idea sempre vincente è quella di vestire i neonati a strati, in modo da alleggerirli (o appesantirli) a seconda della temperatura.

Una maniera comoda per il corredino del neonato in modo da avere tutto ciò che serve per casa e ospedale è realizzare la propria lista nascita su Amazon. È gratuita e permette di scegliere tra centinaia di prodotti che possono essere utili per il vostro bambino. Potete crearla in pochissimo tempo e semplici passaggi cliccando QUI.

article_banner – 13@2x
6 I like it
0 I don't like it